fabiovander.blogspot.it

fabiovander.blogspot.it - Il blog di Fabio Vander - Email: fabio.vander@senato.it
DAY BY DAY

giovedì 8 febbraio 2018

Überalles?

In Germania, precisamente nel Baden-Wuertenberg industriali e sindacati hanno firmato un accordo che prevede un aumento annuale dei salari del 3,5% spalmato su 27 mesi, ma soprattutto introduce la possibilità di ridurre da 35 a 28 ore la settimana lavorativa per un massimo di due anni.
Ma potrà valere Überalles, cioè per tutta la Germania e soprattutto negli altri paesi?

lunedì 5 febbraio 2018

Partito politico, oggi

Un articolo su "Repubblica" del 1 febbraio tratta del travaglio della socialdemocrazia tedesca. Ma visto come una crisi di crescita, cioè di crescita democratica e di dimostrazione di vitalità del più antico partito europeo. Vitalità perché la proposta di una nuova Grosse Koalition con la Merkel ha portato al sinistra del partito e gli Jusos a promuovere una campagna di nuove iscrizioni da giocare nel referendum interno sulla proposta appunto di accordo con i moderati.

domenica 17 dicembre 2017

mercoledì 6 dicembre 2017

Ma deve dircelo Edward Luce?

Edward Luce è un'editorialista del Financial Times ed ha rilasciato una interessante intervista a Federico Rampini su Repubblica. Alla intelligente domanda di Rampini sul fatto che "Trump e i suoi omologhi europei sono i sintomi e non le cause della malattia" cioè del populismo e dell'antipolitica e che "la sinistra ha smesso di rappresentare i lavoratori e i ceti medio-bassi", Luce risponde che per trovare le cause "bisogna risalire alla fine della guerra fredda, quando la sinistra si separò dalle sue radici marxiste".

lunedì 4 dicembre 2017

Ma ce lo deve dire De Benedetti?

Carlo De Benedetti sul "Corriere della Sera" (3 dicembre 2017):
"La sinistra avrebbe davanti una grande occasione. Alla fine della crisi dei dieci anni, il capitalismo ha vinto (basti pensare alle Borse) e il lavoro ha perso.

giovedì 16 novembre 2017

Referendari e politica

Bene ha fatto Marco De Luca nella sua lettera al Manifesto del 16 novembre a parlare di “schianto Brancaccio”. In effetti l’area di referendari “civici” che ha annullato la sua assemblea prevista per il 18 ha evidenziato tutta la propria “sprovvedutezza” e “inconsapevolezza”. Hanno variamente incolpato i ‘partitini’, il loro ‘politicismo’, ecc., ma sono gli stucchevoli corollari di una mai esausta retorica antipolitica.